eMule: ritorna lo storico software p2p

Dopo ben dieci anni, eMule – lo storico software p2p per la condivisione di file – ritorna in auge con un nuovo aggiornamento che renderà malinconici gli utenti attempati che hanno perso gran parte del loro tempo alla ricerca di file sebbene per ottenerli fossero oggettivamente lunghi con risultati incerti.

In questi anni di vuoto, gli utenti si sono abituati alla velocità di Torrent o di altre piattaforme di condivisone meno obsolete, ma eMule si aggiorna e non può che far parlare di sè.

Il ritorno del “mulo”. Cosa introduce?

Attraverso il proprio forum ufficiale, difatti, apprendiamo che la Beta della nuova versione, la 0.60a, è live.

Il programma si dimostra graficamente invariato, invece gli aggiornamenti si riferiscono principalmente al miglioramento e ottimizzazione della sicurezza e sistemazione di alcuni bug e file danneggiati.

Il forum mette anche a disposizione nuovi link per scaricare la versione aggiornata del programma per Windows. Qui per scaricare la versione a 32 bit e qui a 64 bit, a seconda del vostro personal computer.

Storia di eMule

eMule nasce nel lontano 2002 come un software open source esclusivamente per Windows per la condivisione di file basato sulla tecnologia peer-to-peer e linguaggio di programmazione in linguaggio C++.

Il programma viene sviluppato da Hendrik Breitkreuz e sino al 2017 è stato uno dei software gratuiti più utilizzati e scaricati dagli utenti in tutto il mondo.

eMule permette, previa connessione Internet, di cercare, condividere e ricevere qualunque genere di file, applicazione, documento che sia riproducibile su un personal computer.

A lungo andare, tuttavia, il programma è stato il cento nevralgico di una gestione sfrenata di attività pirata attraverso la quale gli utenti riuscivano a passarsi fra loro, da qui il riferimento alla tecnologia peer-to-peer, file anche coperti da licenza.

Cosa si intente per peer-to-peer (p2p)?

Il p2p è una modalità di connessione attraverso la quale l’accesso ai dati avviene senza essere client o server poichè l’utente o dispositivo ricopre entrambe le funzioni.

Il client è un computer collegato ad un server in grado di scambiare dati con esso, mentre il server è un computer di elevate prestazioni che in una rete fornisce un servizio agli altri dispositivi connessi (client).

Fonte: FEP

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *