5 Consigli per ridurre la tua Impronta di Carbonio

Che lo vogliate o no, noi siamo la generazione del cambiamento climatico. Ormai stiamo per salutare l’estate e anche quest’anno una frase ci ha perseguitato.

“Questa è l’estate più calda dell’ultimo decennio”

impronta di carbonio
L’estate nel 2045

Giusto, i problemi sbucano uno dietro l’altro. L’estate 2020 non è stata una estate come le altre (perdonate il gioco di parole). I paesi hanno dovuto avere a che fare con un nemico invisibile, ma certe altre cose non dovrebbero passare in secondo piano. Ci sono molti altri problemi che meriterebbero la stessa attenzione. Problemi enormi.

Come l’apocalisse per esempio? Va be’ dai chiamiamola con il suo nome attuale, Cambiamento Climatico. Niente paura, voi potete ancora evitarla. Anzi, noi possiamo evitarla per avere ancora un mondo in cui vivere e divertirci!

Voi siete gli eroi di questa storia, non io. “Ma come faccio a salvare il mondo?” Semplice, possiamo iniziare a ridurre la nostra Impronta di Carbonio!

Che cos’è l’impronta di carbonio?

impronta di carbonio

L’Impronta di Carbonio (o Carbon Footprint per gli amici british) è un parametro utilizzato per stimare le emissioni di gas serra liberate da un servizio, un prodotto e dalle persone. Sì, persone. Anche noi contribuiamo a immettere CO2 in atmosfera. Se pensavate di non essere macchine come i Transformers vi sbagliavate di grosso!

Tra i gas serra che devono essere considerati secondo il Protocollo di Kyoto vi sono oltre alla CO2 anche il metano (CH4), l’ossido nitroso (N2O) e molti altri con nomi ancora più belli. I suddetti gas sono definiti gas serra per un motivo specifico.

Ogni giorno la Terra riceve una notevole quantità di luce solare che riscalda il pianeta. La luce del sole parzialmente riflessa ritorna nello spazio, ma durante il suo percorso può essere assorbita da diverse molecole come lo stesso vapore acqueo e gli altri gas serra.

In questo modo accade proprio quello che si verificherebbe all’interno di una serra. Il calore viene trattenuto sulla Terra, provocando un innalzamento della temperatura terrestre.

Per evitare conseguenze disastrose per il nostro futuro e per i nostri discendenti, nonché i superstiti del genere umano. L’unico modo per provare a migliorare la situazione nel nostro piccolo è ridurre la nostra impronta e quindi, il nostro impatto sull’ambiente.

Scopriamo insieme una serie di piccoli accorgimenti!

5) Mangia meno carne

impronta di carbonio
La reazione di molti

So cosa state pensando, la carne piace anche a me. Ma questa è l’azione più efficace che possiamo mettere in atto per combattere il cambiamento climatico. Limitare il consumo di carne può fare la differenza. Le emissioni delle industrie agroalimentari sono molto più rilevanti rispetto a quelle derivanti dai combustibili fossili.

Nello specifico, la carne rossa consuma 11 volte più acqua e produce 5 volte più emissioni rispetto alla carne bianca! Non dovete diventare vegetariani, ma mangiarla di meno aiuterebbe significativamente l’ambiente.

454 grammi di carne di manzo richiedono una quantità pari a 5000 galloni di acqua. La carne rossa è la consumatrice numero uno di acqua dolce nel mondo e le industrie stanno accentuando il problema della siccità.

4) Stacca la spina del cellulare

Rimarreste sorpresi nel scoprire che in realtà tutti i dispositivi elettronici continuano a consumare energia anche se sono spenti. Negli States, il solo “potere vampiro” consuma 19 miliardi di dollari in energia ogni anno.

Ogni volta che un cavo è attaccato alla spina contribuisce a consumare energia, quindi anche se il vostro cellulare/computer non si sta caricando, voi state comunque arricchendo la vostra Impronta di Carbonio.

Una soluzione? Staccate la spina a meno che non dobbiate caricare i vostri dispositivi elettronici.

3) Guida meno la macchina

impronta di carbonio

Se scegliete di camminare, andare in bicicletta o prendere l’autobus otterrete effetti immediati sull’ambiente. Le città dovrebbero investire di più per la realizzazione di piste ciclabili e facilitare così la circolazione delle biciclette in città.

L’Italia dovrebbe prendere esempio dagli Stati Uniti, dove il numero di ciclisti è aumentato in modo significativo negli ultimi cinque anni fino a 65 milioni. Sempre in America, ci sono molte soluzioni alternative alla macchina come la metro, treni, autobus.

Molti autobus sono ibridi, utilizzano l’energia del sole e altre fonti di energia eco-friendly. Negli Stati Uniti il trasporto pubblico risparmia circa 37 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio ogni anno.

2) Coltiva le piante o crea un giardino

Che voi viviate in appartamento o in una villetta, coltivare delle piante è un modo rapido e facile per ridurre la vostra Impronta di Carbonio. Le piante prelevano la CO2 dall’atmosfera con la fotosintesi, fornendo in cambio l’ossigeno prezioso per noi e per tutti gli altri animali.

Molto spesso, l’uomo con le sue costruzioni tende a sostituire la vegetazione con strutture artificiali. Sostanzialmente, le città diventano bombe di calore a causa dell’urbanizzazione.

Per risolvere il problema, è necessario investire nella creazione di più spazi verdi, con alberi e piante che possono attenuare questo effetto e determinare un “raffreddamento”, che è fondamentale con il peggioramento del cambiamento climatico.

1) Mangia cibi locali

Quando è possibile cercate di mangiare cibi locali. Consumare i cibi che vengono prodotti localmente, ovvero nella nostra città e dintorni, aiuta a ridurre l’Impronta di Carbonio derivante dall’acquisto di cibi provenienti da molto molto lontano.

Se volete una regola generale, più è vicino e meglio è. Informatevi sempre sulla provenienza di un determinato prodotto. Se un frutto o una verdura cresce nel vostro giardino, o presso un’azienda locale, i costi di produzione alimentari sono ridotti significativamente.

Per fortuna siamo in Italia, e di prodotti locali ne abbiamo tantissimi e sono tutti buoni! Provate a immaginare, quanta strada fanno determinati cibi per arrivare nel nostro paese. Tra aereo, treno e camion il prodotto deve essere mantenuto freddo per evitare che si rovini.

Mangiare localmente significa supportare anche l’economia locale e le piccole aziende dei nostri paesi. Inoltre, mangiamo sano. Molti prodotti che vengono da fuori sono ricchi di conservanti. Evitate o riducete i cibi trattati, che fanno male alla nostra salute oltre che all’ambiente.

Se mangiate una volta (anche due/tre) al McDonald’s non succede niente. Ma è meglio non esagerare, il diabete e l’obesità sono sempre dietro l’angolo. Scegliete i cibi che sono migliori per il pianeta e migliori per la vostra longevità e per la vostra forma.

Conclusioni

Per concludere, come avete avuto modo di capire leggendo l’articolo. Per salvare il pianeta basta davvero poco. Non c’è bisogno di stravolgere radicalmente la propria vita, le cose vanno fatte a piccoli passi.

Detto ciò solo voi avete il potere di cambiare le cose!

Se ti interessa saperne di più sull’ambiente leggi anche:

Carovana dei Ghiacciai: parte sulle Alpi da oggi 17 Agosto la prima edizione della campagna promossa da Legambiente

Le meraviglie dello Stretto di Messina: tra tumultuose correnti e ricca biodiversità

Fra 50 anni 2 miliardi di persone subiranno un clima troppo caldo per sopravvivere

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *